Disclaimer | Privacy | Copyright

Questo sito utilizza i cookies

Proseguendo o cliccando su APPROVO, acconsenti al loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

disclaimer

COSA SONO I COOKIES

I cookies  (in italiano biscotti) sono una sorta di "promemoria", brevi "righe di testo" contenenti informazioni che possono essere salvate sul computer di un utente quando il browser (es. Firefox, Chrome o InternetExplorer) richiama un determinato sito web. Grazie ai cookies il server invia informazioni che verranno rilette e aggiornate ogni volta che l’utente tornerà sul quel sito. In questo modo il sito web potrà adattarsi automaticamente all’utente migliorandone l’esperienza di navigazione.

A COSA SERVONO I COOKIES

I cookies sono utilizzati per diverse finalità, hanno caratteristiche diverse, e possono essere utilizzati sia dal titolare del sito che si sta visitando, sia da terze parti. I cookies sono principalmente utilizzati per:

  • Migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente all’interno del sito.
  • Fornire al gestore del sito informazioni sulla navigazione degli utenti anche per ottenere dati statistici sull’uso del sito e migliorarne la navigazione. 
  • Veicolare messaggi pubblicitari personali in base alle preferenze dell'utente..

I COOKIES TECNICI
Per l'installazione dei cookies tecnici (di navigazione/sessione; di tipo "analytics" e di funzionalità) non è richiesto il consenso dell'utente, ma solo l'obbligo di informativa.

I COOKIES DI PROFILAZIONE/PUBBLICITARI
Sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione di rete.

QUALI COOKIES UTILIZZA www.carladiquinzio.it

Cookies di navigazione / sessione

Detti anche cookies "tecnici", sono fondamentali per navigare all'interno del sito utilizzando tutte le sue funzionalità, come ad esempio l'accesso alle aree riservate (Area Clienti). Senza questi cookies non sarebbe possibile fornire i servizi richiesti. Questi cookies non raccolgono informazioni da utilizzare per fini commerciali. Si occupano di funzioni quali l'autentificazione e  la validazione (per l'area riservata "Accedi"), la gestione di una sessione di navigazione e pertanto anche al fine di prevenire frodi, ne e' fortemente sconsigliato il blocco.

Cookies Analytics

Raccolgono e analizzano in forma anonima e/o aggregata le informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori (pagine visitate, ...) per fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione. Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare in qualche modo l'utente. Rientrano in questa categoria i cookies impostati dalla seguente soluzione tecnologica "Google Analytics" , con analisi dei parametri di navigazione volte all'ottimizzazione del sito.

Cookies di funzionalità

Permettono al sito di "ricordare" le scelte effettuate dall'utente e personalizzare il sito migliorandone i contenuti. Le informazioni raccolte da questo tipo di cookies sono in forma anonima.

Il sito web www.carladiquinzio.it  funziona in modo ottimale se i cookies sono abilitati. Puoi comunque decidere di non consentire l’impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser, quale: Chrome - Firefox - Internet Explorer - Opera - Safari.Se disattivi i cookies, potresti disabilitare alcune funzionalità del sito. Anche con tutti i cookies disabilitati, il tuo browser continuerà a memorizzare una piccola quantità di informazioni, necessarie per le funzionalità di base del sito.

L'utilizzo di cookies da parte del titolare di questo sito, Carla Di Quinzio, con sede in Milano, via Nino Besozzi,2 , si inquadra nella Privacy Policy dello stesso; per tutte le informazioni richieste dall'art.13 del Codice Privacy clicca qui.

Carla Di Quinzio

La filosofia puo' curare

Single perché vedovi. Come imparare a dire addio/1

[ Post di Carla DiQuinzio su  www.smallfamilies.it

Morte VidaSingle si può essere anche perché vedovi e vedove. E la condizione di monogenitorialità a seguito di un lutto richiede uno sguardo e una cura eccezionali. Con l’aiuto di una delle nostre collaboratrici di Philo (anche nostro servizio amico) affrontiamo in alcune puntate questo tema estremamente delicato perché il genitore vedovo si trova nella condizione dolorosa del lutto per la propria compagna, o per il proprio compagno, con cui aveva avviato un progetto di vita e contemporaneamente nella situazione di sostenere, proteggere, confortare i figli orfani.   

Da un lato quindi si ha bisogno di ricevere cure, si prova un sano desiderio di rallentare le attività, di stare con il proprio dolore, dall’altra si sente tutta l’urgenza e la responsabilità verso chi è più indifeso e inesperto ossia verso il proprio figliolo. È urgente prodigare accudimenti, ma come e con quali energie? Molto dipende dalla rete parentale e amicale su cui si può contare, ma tanto dipende dalla capacità di comprendere che le energie non sono infinite e che questo è il momento di chiedere e di lasciarsi proteggere, per poter curare è necessario lasciarsi curare.

Nella mia esperienza personale – e in situazioni che ho seguito come consulente pedagogica – ho potuto notare che, sempre, in situazioni estreme si attivano i genitori degli amici dei figli, gli insegnanti, i vicini di casa: è importantissimo capire di cosa si ha maggiormente bisogno e lasciarsi aiutare! Questa premessa è fondamentale poiché alcune responsabilità non possono essere delegate e su quelle occorre concentrare le proprie energie, mi riferisco alla necessità di stare vicino ai propri figli con il corpo e con la mente.  

In particolare vorrei approfondire, qui, la gestione del lutto che ha investito anche i bambini.   Vediamo alcuni esempi concreti   Spesso la morte è preceduta da un periodo più o meno lungo di malattia in cui è già diagnosticata l’inguaribilità del genitore, questa condizione può essere un’occasione per condividere i sentimenti dolorosi. Ma come dirlo ai bambini? A volte si pensa di proteggerli evitando di raccontar loro la verità; ma è una scelta che rischia di provocare più dolore, certo occorre aver cura delle parole che si usano. 

Teniamo sempre presente che il bambino percepisce la menzogna, ciò lo disorienta mettendolo nella spiacevolissima condizione di dover scegliere se fidarsi delle proprie emozioni, e in questo caso perdere fiducia nei genitori, oppure se fidarsi di loro e perdere la stima nella propria capacità di cogliere la realtà. 

La cosa più ragionevole è parlarne delicatamente, ma con chiarezza, condividendo il sentimento doloroso che accomuna lui ai suoi genitori. Stringersi nel dolore e permettere agli attori di salutarsi, per quanto doloroso, permetterà al bambino di trovare in seguito figure sostitutive e di “adottare” altri adulti significativi: un insegnante o i genitori dell’amichetto del cuore o prendere quel che c’è di buono nei tanti adulti che incontrerà e fra questi, un giorno, anche il futuro partner del genitore vedovo.

Anche se può apparire, all’inizio, impensabile, tuttavia la scelta di non denegare la verità con il figlio significa progettare e proteggere il suo futuro, dargli altre possibilità, si tratta di un grande segno di generosità che pur senza togliere nulla al ricordo del genitore naturale, gli permetterà di amare e di lasciarsi amare senza inutili sensi di colpa.   Come parlare della morte a un bambino, come ascoltare il suo dolore senza sentirsi devastati? 

Condivido l’esempio concreto di Paolo, un papà rimasto vedovo che mi sono trovata a sostenere nel suo lutto e che, mentre il suo bambino piangeva accorato per la recente morte della mamma, lo aveva stretto a sé raccontandogli quel che lui provava in quel momento: “anche a me accade di sentire la mancanza della tua mamma, questa notte per esempio l’ho sognata; eravamo al mare tutti insieme ed eravamo felici.

Quando mi sono svegliato questa mattina ero molto triste ed ho pianto, dopo aver pianto mi sentivo un po’ meglio, forse anche tu hai bisogno di piangere”. A me sembra che Paolo in questa circostanza abbia trovato un modo amorevole di stare vicino a suo figlio, è una modalità che pian piano aiuterà padre e figlio a ritrovare i fili per creare una storia coerente e integrata del loro presente, del loro passato, della loro vita.  

 

(Carla DiQuinzio lavora con la scuola Philo, uno dei servizi amici convenzionati per i soci e le socie smallfamilies)

infoTi potrebbe anche interessare la seconda  parte di "Come imparare a dire addio".