Disclaimer | Privacy | Copyright

Questo sito utilizza i cookies

Proseguendo o cliccando su APPROVO, acconsenti al loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

disclaimer

COSA SONO I COOKIES

I cookies  (in italiano biscotti) sono una sorta di "promemoria", brevi "righe di testo" contenenti informazioni che possono essere salvate sul computer di un utente quando il browser (es. Firefox, Chrome o InternetExplorer) richiama un determinato sito web. Grazie ai cookies il server invia informazioni che verranno rilette e aggiornate ogni volta che l’utente tornerà sul quel sito. In questo modo il sito web potrà adattarsi automaticamente all’utente migliorandone l’esperienza di navigazione.

A COSA SERVONO I COOKIES

I cookies sono utilizzati per diverse finalità, hanno caratteristiche diverse, e possono essere utilizzati sia dal titolare del sito che si sta visitando, sia da terze parti. I cookies sono principalmente utilizzati per:

  • Migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente all’interno del sito.
  • Fornire al gestore del sito informazioni sulla navigazione degli utenti anche per ottenere dati statistici sull’uso del sito e migliorarne la navigazione. 
  • Veicolare messaggi pubblicitari personali in base alle preferenze dell'utente..

I COOKIES TECNICI
Per l'installazione dei cookies tecnici (di navigazione/sessione; di tipo "analytics" e di funzionalità) non è richiesto il consenso dell'utente, ma solo l'obbligo di informativa.

I COOKIES DI PROFILAZIONE/PUBBLICITARI
Sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione di rete.

QUALI COOKIES UTILIZZA www.carladiquinzio.it

Cookies di navigazione / sessione

Detti anche cookies "tecnici", sono fondamentali per navigare all'interno del sito utilizzando tutte le sue funzionalità, come ad esempio l'accesso alle aree riservate (Area Clienti). Senza questi cookies non sarebbe possibile fornire i servizi richiesti. Questi cookies non raccolgono informazioni da utilizzare per fini commerciali. Si occupano di funzioni quali l'autentificazione e  la validazione (per l'area riservata "Accedi"), la gestione di una sessione di navigazione e pertanto anche al fine di prevenire frodi, ne e' fortemente sconsigliato il blocco.

Cookies Analytics

Raccolgono e analizzano in forma anonima e/o aggregata le informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori (pagine visitate, ...) per fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione. Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare in qualche modo l'utente. Rientrano in questa categoria i cookies impostati dalla seguente soluzione tecnologica "Google Analytics" , con analisi dei parametri di navigazione volte all'ottimizzazione del sito.

Cookies di funzionalità

Permettono al sito di "ricordare" le scelte effettuate dall'utente e personalizzare il sito migliorandone i contenuti. Le informazioni raccolte da questo tipo di cookies sono in forma anonima.

Il sito web www.carladiquinzio.it  funziona in modo ottimale se i cookies sono abilitati. Puoi comunque decidere di non consentire l’impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser, quale: Chrome - Firefox - Internet Explorer - Opera - Safari.Se disattivi i cookies, potresti disabilitare alcune funzionalità del sito. Anche con tutti i cookies disabilitati, il tuo browser continuerà a memorizzare una piccola quantità di informazioni, necessarie per le funzionalità di base del sito.

L'utilizzo di cookies da parte del titolare di questo sito, Carla Di Quinzio, con sede in Milano, via Nino Besozzi,2 , si inquadra nella Privacy Policy dello stesso; per tutte le informazioni richieste dall'art.13 del Codice Privacy clicca qui.

Carla Di Quinzio

La filosofia puo' curare

La solitudine dei genitori soli

 

[ Post di  Carla DiQuinzio su  www.smallfamilies.it

Malinconia GiorgioDeChiricoLa solitudine dei genitori soli è tanto diffusa quanto temuta e, giorno dopo giorno, rischia di minare la fiducia nelle proprie possibilità, di annullare il coraggio necessario ad affrontare le sfide quotidiane e in ultima istanza rischia di intaccare la propria autostima. Che la situazione in cui si trova un genitore in questa particolare forma di famiglia sia complessa e faticosa è innegabile, ma quel che la rende insopportabile è proprio la sensazione di essere soli. Proviamo a capire da dove viene questa difficoltà di condivisione e confronto con altri genitori, siano essi i genitori dei compagni di classe o degli amici dei nostri figli, quelli che ogni giorno incontriamo ai giardinetti.

Oggi le famiglie monoparentali sono una realtà in continua crescita, non si tratta di situazioni sporadiche e basta entrare in una classe per toccarlo con mano concretamente. Ciò nonostante i genitori che si trovano in situazione di monogenitorialità spesso sentono che le peculiari tematiche di cui sono portatori non trovano ascolto, hanno l’impressione di non riuscire a trovare nessi con i vissuti di famiglie considerate “normali”.

A questo proposito dobbiamo tenere presente che i cambiamenti avvengono in modo rapido ed evidente a livello sociale, ma la trasformazione della mentalità richiede un tempo ben più lungo. Avere contezza di tale realtà dello psichismo può essere un primo passo per accedere alla consapevolezza di non essere “sbagliati” e non è poco come vedremo. Infatti l’idea che il modello di famiglia tradizionale, composta da entrambi i genitori conviventi, sia il migliore dei modi possibili per allevare un figlio è sicuramente un’idea molto insidiosa che fa perdere di vista le potenzialità insite in circostanze differenti.

È necessario dunque partire da noi provando a ripulire le nostre idee da inutili e dannosi preconcetti che rischiano di appannare i pensieri. Proviamo a chiederci quante volte ci capita di idealizzare la realtà della famiglia tradizionale pensando che, se a noi fosse toccata in sorte, nostro figlio sarebbe felice, non avrebbe difficoltà a scuola o di socializzazione oppure avrebbe un’adolescenza meno turbolenta e gli esempi potrebbero essere infiniti nonostante in proposito non ci sia un’evidenza statistica.

Questi sono pensieri parassiti che nulla hanno a che fare con la specificità dell’evento che di volta in volta si presenta nella sua unicità, sono preconcetti di cui occorre liberarsi al più presto per lasciare spazio a idee vivide e fresche. Abituarsi a fare piazza pulita di questa zavorra, permetterà di riconoscere le persone con cui è possibile stabilire uno scambio proficuo evitando il più possibile di rapportarsi con coloro che rischiano di amplificare quelle nefaste fantasie e a ridimensionare i commenti giudicanti delle persone con cui inevitabilmente occorre relazionarsi.

Penso ad alcuni insegnanti, pediatri, nonni, zii che approcciano con fare compassionevole il genitore solo e i suoi figli facendoli inevitabilmente sentire manchevoli, e ciò a prescindere dalle loro buone intenzioni di aiuto. Fortunatamente esistono tantissimi professionisti molto preparati che offrono sostegno nella quotidianità, molti genitori che hanno allevato i propri figli in condizione di monogenitorialità disponibili a mettere a disposizione la propria esperienza, persone che sanno vedere e far vedere la bellezza; fra quelli occorre intessere relazioni.


(Carla DiQuinzio lavora con la scuola Philo, uno dei servizi amici convenzionati per i soci e le socie smallfamilies)


infoTi potrebbero anche interessare: Single perché vedovi. Come imparare a dire addio/1  e Single perche' vedovi. Come imparare a dire addio/2